Chiellini sull'addio di Conte alla Juve: "Noi della vecchia guardia non l'avremmo fatto andar via" - Cuoreb1897

Noibianconeri
Juventus  news       Juve Mercato     Juve   Live     Palmares      Amarcord
Title
Vai ai contenuti
Chiellini sull'addio di Conte alla Juve: "Noi della vecchia guardia non l'avremmo fatto andar via"











Continuiamo ad offrirvi estratti dell'autobiografia di Giorgio Chiellini ("Io, Giorgio"). Una lunga parta del libro è dedicata al personaggio di Antonio Conte e alle dinamiche di quegli anni trascorsi insieme alla Juventus.

Il difensore bianconero racconta in particolare il giorno ed i motivi dell'addio di Antonio Conte alla Juventus. Chiellini ha una chiara idea: se ci fossero stati loro, lui non se ne sarebbe andato.

"Penso che Conte se ne sia andato in quel modo dalla Juve perché quel giorno non c’eravamo noi, la vecchia guardia. Eravamo in vacanza dopo i Mondiali brasiliani, lui era carico di tensione e sono bastate poche gocce per far traboccare il vaso. Antonio è una persona “rovente”, ma sono convinto che se fossimo stati tutti lì lui sarebbe rimasto, anche se a mente fredda penso che avrebbe fatto bene ad andarsene già a maggio: così, la storia tra lui e la Juve si sarebbe conclusa meglio".



E poi Chiellini continua con il racconto, mettendo in evidenza pregi e difetti del carattere e dei metodi dell'attuale allenatore dell'Inter.

"Conte è un grande ma ti prosciuga, e nel frattempo si consuma. Era arrivata la fine, come per Allegri l’anno scorso. Più per Conte che per la Juventus: lui era giunto al capolinea ma per amore era rimasto, salvo sbroccare due mesi dopo in assenza delle sue pietre miliari: io, Leo, Andrea e Gigi non lo avremmo fatto partire. Eppure non era successo niente di speciale, nessuno scontro diretto o addirittura fisico con il presidente Agnelli, ci mancherebbe: è solo che le cose finiscono. Come con Marotta e con Allegri".


Goal.com
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.
Torna ai contenuti