Coronavirus, Del Piero: "La stagione va finita" - Cuoreb1897

Noibianconeri
Juventus  news       Juve Mercato     Juve   Live     Palmares      Amarcord
Title
Vai ai contenuti
Coronavirus, Del Piero: "La stagione va finita"











LOS ANGELES (Stati Uniti) - "Da appassionato mi auguro si possa finire la stagione nell'arco dei promessi mesi, se necessario anche questa estate, sarebbe la cosa meno di impatto per quanto riguarda anche il discorso futuro perché l'annullamento della stagione significherebbe ridiscutere molte posizioni per chi va in Champions League, chi retrocede, chi viene promosso in un'altra categoria, sarebbe un po' complicato prendere quelle decisioni che sicuramente non accontenterebbero tutti". Questa la premessa di Alessandro Del Piero in un'intervista rilasciata ai microfoni di RTL 102.5. L'ex capitano della Juventus e campione del mondo con la Nazionale nel 2006, non esclude però altri possibili scenari. "Stiamo vivendo un periodo storico straordinario e bisognerà prendere delle decisioni straordinarie. Ovvio che riuscire a finire il campionato, mantenendo la salute di tutti, sarebbe la cosa migliore", spiega Del Piero che ha parlato anche della raccolta fondi a favore della Croce Rossa nata dalla chat con gli altri campioni del Mondiale di calcio 2006. "Ringrazio tutti quelli che hanno partecipato attivamente a questa campagna che ci ha permesso di raccogliere fondi sufficienti per comprare subito 4 ambulanze dotate di tutte le apparecchiature necessarie per questo momento storico, quindi per il biocontenimento, ambulanze che rimarranno ovviamente sul territorio nazionale".

Del Piero: "Serve una soluzione al Coronavirus"
"Speriamo che cambino presto destinazione e che si trovi una soluzione a questo virus. Averlo fatto in maniera così veloce è la cosa che ci soddisfa più di tutto, la cosa fondamentale in queste cose è essere attivi e siamo contenti di quello che siamo riusciti a fare in poco più di un mese e che le ambulanze siano già operative nelle zone che la Croce Rossa deciderà più utili per loro - ha proseguito Del Piero -. Ringrazio chi ha fatto parte di questa grande squadra che ci ha permesso di donare queste 4 ambulanze, un po' come i 4 Mondiali vinti dall'Italia. Una chiusura con un po' di sorriso e con un po' di speranza che, insieme al lavoro di tutti quanti, della Protezione Civile, dei volontari e degli ospedali, possa aiutare a risolvere questa situazione incredibile che stiamo vivendo". Un'iniziativa, quella degli azzurri iridati, nata spontaneamente. "La nostra chat nasce nel 2006 quando tutti quanti volevamo rimanere uniti sotto il segno della vittoria del Mondiale e che va avanti da quel tempo. Ovviamente in questa chat ci sono spesso e volentieri cose divertenti e sfottò tra di noi ma, in alcune situazioni, anche cose più importanti".

Del Piero: "Potrei fare il dirigente calcistico"
"Quando è successa questa pandemia c'era la possibilità di fare qualcosa e da un messaggio è partito tutto, anche se eravamo attivi già tutti noi con iniziative personali, locali o a livello non mediaticamente esposto, perché poi uno fa beneficenza nel modo in cui più uno si sente a suo agio - ha spiegato Del Piero -. Abbiamo deciso allora di fare un progetto su scala nazionale e la Croce Rossa è stata la destinazione perché lavora sul territorio nazionale, come noi nel 2006 abbiamo rappresentato tutta l'Italia. Tutta l'organizzazione è passata dalla chat e la risposta dei ragazzi è stata eccezionale, dalle donazioni alla parte promozionale stimolando i propri contatti personali, soprattutto a carattere mondiale visto che molti vivono in Italia, ma altri, come me e Cannavaro, all'estero". Infine una domanda sul futuro di Del Piero, magari da dirigente calcistico. "Sì che ci ho pensato, ma ho altre situazioni che mi piace seguire, ma il calcio è la mia passione ed è quello in cui mi sento più a mio agio. Tutto ciò che riguarda il calcio per me è di primaria importanza, indubbiamente sì, ci ho pensato".


TuttoSport.com
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.
Torna ai contenuti